CAS - Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Laboratorio di Scienze Merceologiche e Territoriali - LAMeT

Il Laboratorio di Scienze Merceologiche e Territoriali (LAMeT) dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale è stato costituito per svolgere attività di analisi e consulenze merceologiche e ambientali.

All’interno del laboratorio, operativo dal 1999, chimici specializzati nel settore ambientale, alimentare e sensoriale si avvalgono di una strumentazione scientifica di ultima generazione ad alto livello tecnologico, per garantire un ampio spettro di analisi e una rapida consegna dei rapporti di prova con la massima precisione ed affidabilità dei dati ottenuti.

Il laboratorio è stato certificato dal 2010-2012 UNI CEI EN ISO/IEC 17025. Tutte le analisi vengono effettuate secondo le metodiche analitiche ufficiali italiane (UNI, ISO, IRSA-CNR, APAT, ISS) ed internazionali e secondo quanto prescritto dalle Gazzette Ufficiali del Mistero dell’Ambiente e della Sanità. Il valore aggiunto delle attività deriva dalla tempestività del servizio e dalla capacità tecnica nel risolvere problemi analitici di routine e straordinari. La struttura è in grado di offrire a privati, enti e aziende di qualsiasi dimensione un servizio analitico ad elevato contenuto tecnologico.

Il Laboratorio dispone, per l’esecuzione delle differenti prove analitiche, di appropriate apparecchiature di prova e di misura di proprietà dello stesso, che vengono gestite da personale adeguatamente addestrato e qualificato, con il criterio di efficienza tecnica ed economica.

Il LAMet costituisce un cluster di competenze volte allo studio, all'analisi, alle indagini di tipo applicativo ed alle nuove metodologie riguardanti i monitoraggi agroalimentari in relazione alle tematiche eco tossicologiche, nonché alla valorizzazione della biodiversità territoriale e delle produzioni tipiche. Il LAMeT, in osservanza delle norme ISO 14040 e 14044, conduce, inoltre, analisi volte a valutare le interazioni di un prodotto o di un servizio con l’ambiente, considerando il suo intero ciclo di vita ed includendo anche le fasi di pre- e post- produzione. Vengono presi in considerazione gli aspetti ambientali e l’influenza sulla salute, sulla qualità dell’ecosistema e la gestione delle risorse, oltre che gli impatti di natura economica e sociale. Il Laboratorio coopera, in tal senso, con le aziende presenti sul territorio fornendo un quadro completo degli impatti ambientali legati ai loro prodotti e servizi e offrendo informazioni necessarie per identificare eventuali opportunità di miglioramento.

Il laboratorio ha attivato numerose convenzione tra cui:

  • convenzione tra il Centro di Ricerca per lo studio delle relazioni tra pianta e suolo (CRARPS) per attività di ricerca nel settore del biocontrollo.
  • convenzione con il Dipartimento di Biotecnologia dell’Università “Sapienza” di Roma per attività formativa e di ricerca
  • convenzione con l’Università di Salerno per attività formativa e di ricerca
  • convenzione tra QUIS Lab (Laboratorio di Qualità, Innovazione e Sostenibilità) del Dipartimento di Studi Aziendali Università Roma TRE  per attività di ricerca.

Laboratorio di Analisi, Rilievo, Tecnica dell’Architettura e del Territorio - DART

Conoscenza, studio e salvaguardia di beni architettonici ed archeologici. Rilievo diretto e strumentale, Laser scanner, Photo modelling di elementi architettonici ed edilizi, ambiti territoriali, urbani ed architettonici. Sistemi Informativi Territoriali/Urbani. Produzione di cartografia contemporanea ed analisi ed elaborazioni di cartografia storica. Sistemi robotici innovativi per applicazione in attività sui BB.CC

Laboratorio di Misure Industriali, SEZIONE ELETTRICA - LAMI

Sviluppo di reti di sensori e sistemi di misura per il rilievo di difetti presenti nei materiali basato su tecniche di tipo non invasivo. Sviluppo di reti di sensori e sistemi di misura distribuiti per il monitoraggio di grandezze di interesse.
Relativamente alla ricerca essa è incentrata sui temi delle metodologie di misura, della realizzazione e caratterizzazione sperimentale di innovativa strumentazione di misura, della progettazione di sistemi per le misure elettriche, elettroniche e per le telecomunicazioni, della realizzazione e caratterizzazione metrologica di sensori avanzati in ambito IoT, WSN ed Industry 4.0, della realizzazione e caratterizzazione metrologica di strumentazione e sistemi per i test non distruttivi, della realizzazione e caratterizzazione metrologica di strumentazione per le reti di telecomunicazione wired e wireless, realizzazione e caratterizzazione di strumenti e sistemi per il monitoraggio della energia elettrica e Power Quality.

Laboratorio di Studi Organizzativi - ORGLAB

OrgLab - Laboratorio di Studi Organizzativi – è il centro di ricerca che studia temi centrali per le discipline organizzative adottando una prospettiva relazionale e di sistema. Tra le aree di interesse emergono i processi di cooperazione, coordinamento e controllo all’interno e tra le organizzazioni, l’uso e l’impatto delle tecnologie di informazione e comunicazione nelle organizzazioni, people management e analytics, e il rapporto tra organizzazioni e società.

OrgLab nasce come centro di ricerca interdisciplinare e mira a promuovere la collaborazione e la condivisione di conoscenze in ogni fase dei processi di ricerca, in particolare tra ricercatori di aree di studio complementari che lavorano in luoghi e istituzioni diversi e che provengono da tradizioni di ricerca differenti. Il laboratorio supporta diversi approcci alla ricerca, da analisi longitudinali e qualitative a metodi quantitativi. Il concetto di laboratorio pone in risalto il focus sperimentale delle attività, basate su tecniche e strumenti innovativi di analisi organizzativa.

OrgLab ha maturato una significativa tradizione di ricerca empirica guidata da solide basi teoriche. Tra i progetti di ricerca in ambito di beni ed attività culturali si ricordano le attività di collaborazione all’interno del progetto HeritageBot (Servizi robotici per i BBCC - finanziato dalla Regione Lazio) e quelle all’interno del Centro di Eccellenza DTC Lazio (progetto Anagrafe-DTC) incentrate su modalità di collaborazione distribuita e partecipata ai processi di ricerca (open-science), mappatura e analisi della rete di comunicazione sui social media generata da e intorno ad attori attivi in ambito di beni e attività culturali, modellazione di dinamiche di flusso informativo per anticipare l’impatto di nuove policy e nuove strategie di comunicazione.

Laboratorio per l’analisi quantitativa dei sistemi territoriali e agroalimentari - LATA

Il laboratorio LATA offre supporto ai docenti afferenti, nell’ambito delle rispettive attività di ricerca,  per quanto concerne l’elaborazione di banche dati mediante l’utilizzo dei programmi statistici di cui dispone. Nel contempo i ricercatori afferenti utilizzando le risorse del LATA assistono dottorandi e tesisti fornendo loro il software e le competenze per le analisi statistiche necessarie alla realizzazione dei loro elaborati.

Un altro ambito in cui opera il LATA riguarda il supporto fornito nell’ambito dei progetti nazionali o internazionali che vedono coinvolti i ricercatori afferenti. Tra questi si segnalano:

- Tender JRC:  Pass-through of Unfair Trading Practices in EU food supply chains: Methodology and Empirical Application Procedure reference number: JRC/SVQ/2018/D.4/0009/NC (principal investigator, in consorzio con le Università della Tuscia, Lovanio, Monaco e Nitra)

- Tender JRC: The impact of market structure on the dual food quality practices in the Single Market (sede unica).

- Progetto con Coldiretti: convenzione con Donne impresa per l'analisi dei percorsi di innovazione nelle imprese agricole femminili

Infine il laboratorio offre agli studenti dei vari corsi di laurea la possibilità di svolgere stage all’interno del laboratorio, acquisendo competenze sull’analisi quanti-qualitativa dei sistemi territoriali e agroalimentari.

Laboratorio di Geotecnica, Geologia e Strade - LAGGS

Il Laboratorio di Geotecnica, Geologia e Strade (LAGS) ospita le attività dei gruppi di ricerca afferenti a tre SSD (Geotecnica - Geologia Applicata - Costruzioni di Strade Ferrovie e Aeroporti).

Il gruppo di Geotecnica annovera due docenti (un PO e un PA), due assegnisti e due dottorandi, impegnati in attività di ricerca sperimentali e teoriche su tematiche di base ed applicative suddivise in tre principali settori: applicazione e sviluppo di tecniche di laboratorio prototipali finalizzate a studiare le proprietà meccaniche ed idrauliche dei terreni naturali o sottoposti a consolidamento; analisi numeriche del comportamento statico e sismico delle principali opere geotecniche (fondazioni, opere di sostegno, dighe, gallerie); analisi di rischio geotecnico su grandi aree (liquefazione sismica, subsidenza). Particolarmente attiva è la ricerca nel settore dello studio del rischio sismico, in particolare da liquefazione, che si esplica attraverso una fitta rete di collaborazioni internazionali ed il coordinamento di attività nell’ambito di progetti europei (www.liquefact.eu). Le attività sperimentali si inquadrano nell’ambito di progetti competitivi (PRIN) e convenzioni con enti pubblici e privati, e riguardano prevalentemente il consolidamento dei terreni con diverse tecniche (jet grouting, deep soil mixing, iniezioni a bassa pressione di nanosilice colloidale, miscelazione con calce e cemento, impiego di additivi chimici per la stabilizzazione dei terreni argillosi, addizione di fibre di roccia basaltica).

Il gruppo di Geologia applicata annovera un docente (PA) ed un dottorando. Le tematiche di ricerca sviluppate riguardano la difesa del territorio da eventi naturali quali fenomeni franosi e deformazioni gravitative profonde di versante, la geologia del terremoto, i processi di erosione e subsidenza, la gestione e difesa degli acquiferi, l’idrogeologia, il telerilevamento, la caratterizzazione di rocce sciolte, lapidee e materiali naturali da costruzione, il rilevamento geologico-tecnico, l’esplorazione geologica del sottosuolo, la cartografia tematica, la geologia delle aree urbane, il monitoraggio, la prevenzione e mitigazione dei rischi geologici e geo-ambientali, il recupero di siti degradati e inquinati, la conservazione dei beni ambientali. Il gruppo sviluppa una significativa attività scientifica in collaborazione con istituzioni accademiche ed enti li di ricerca non accademici su tematiche riguardanti l’idrogeologia, la geologia del terremoto, cartografia tematica, geologia delle aree urbane e tecniche avanzate di telerilevamento (DInSAR) applicate ai fenomeni di subsidenza naturale ed antropica.

Il gruppo di Costruzioni di Strade, Ferrovie ed Aeroporti annovera un docente (PA), un assegnista ed un dottorando. Le ricerche riguardano la progettazione, costruzione, gestione, manutenzione e controllo delle diverse infrastrutture di trasporto. Le principali tematiche studiate sono la caratterizzazione funzionale e meccanica dei conglomerati bituminosi, la sicurezza stradale e degli utenti deboli, la valutazione degli impatti ambientali a livello di tronco e di rete, i sistemi informativi stradali per la gestione, la qualità e sicurezza dei cantieri, le analisi di rischio sismico su sistemi ed infrastrutture di trasporto. Il gruppo è particolarmente attivo, mediante convenzioni con Enti pubblici, sul tema della sicurezza delle infrastrutture di trasporto.

Laboratorio di Management e Diffusione dell'Innovazione – MA.D.I. Lab

Il Laboratorio realizza, promuove e diffonde iniziative dedicate alla “Ricerca e sviluppo di tecnologie innovative e best practices manageriali per l’innovazione” al servizio dello sviluppo socio-economico del contesto territoriale di riferimento. In particolare si analizzano modelli di gestione d’impresa, con un focus su quelli riguardanti la circular economy (per i quali è stata creata una sub-struttura specifica (Circular Economy University Lab), nonché strumenti finanziari nell’ambito del rapporto banca–impresa per il quale è stato costituito l’Osservatorio EFBI (“Etica, Finanza, Banca, Impresa”).
Oltre ciò, il laboratorio MADI effettua attività riconducibili al Technology Transfer, al Management ed alla Diffusione dell’Innovazione.
Infine il laboratorio Ma.D.I. si propone di diffondere e curare progetti di ricerca tesi all’innovazione delle piccole e medie imprese ed alla diffusione delle relative applicazioni. 

lABORATORIO Professione Mare, Porti e Trasporti

Obiettivo primario del Laboratorio è quello di individuare, anche attraverso studi e ricerche, i percorsi di formazione di base e di formazione permanente (riqualificazione, aggiornamento, riconversione) volti all’acquisizione di professionalità connesse al mare (ivi comprese tra le altre le attività turistico ricreative e la nautica da diporto), al porto e al trasporto in generale e che richiede infrastrutture di collegamento fra porto ed ambito territoriale. In sintesi obiettivo è l’acquisizione di nuove professionalità legate all’ambiente marino e costiero. Per raggiungere tale obiettivo una forma di ricerca, permanente, sia di base e dunque teorica sia applicata e dunque pratica, deve essere inserita in una struttura ed avere un duplice quadro di riferimento: il primo, di natura territoriale che serva ad individuare le potenzialità occupazionali e conseguentemente formative locali; il secondo, di natura culturale e formativa che induca a considerare le prospettive future e l’insaturazione di rapporti (anche convenzionali) con organizzazioni pubbliche e private che hanno ad oggetto o fine l’interesse generale per le attività marine (anche diportistiche e turistiche), portuali e trasportistiche in generale. Le ricerche così scaturite, potranno formare oggetto di pubblicazione o di presentazione al pubblico.

Laboratorio di Indagini Campionarie e Analisi dei Dati

L’attività svolta nell’ambito del laboratorio consiste prevalentemente nella realizzazione di indagini campionarie curate dai docenti afferenti effettuate in collaborazione con organizzazioni ed Enti pubblici del territorio. Tali indagini sono rivolte per lo più a tematiche che hanno rilevanza in contesti sociali ed imprenditoriali.

Il laboratorio fa inoltre da supporto alla stesura di progetti finanziati ed all’organizzazione di corsi e giornate di studio.

Laboratorio di Materiali - LABMAT

Diagnostica e cause del degrado degli elementi costitutivi di strutture architettoniche: entità del degrado ed eventuali cause responsabili attraverso indagini di laboratorio sui materiali degradati e non. Caratterizzazione di malte antiche e formulazione di malte compatibili nel restauro di elementi costitutivi di strutture architettoniche di interesse storico-artistico: compatibilità tra malta nuova e preesistente.

Pagine